Attacchi di panico sintomi: come riconoscerli?

attacchi di panico sintomi

Gli attacchi di panico sono una manifestazione piuttosto diffusa, probabilmente ben più comune rispetto a quanto si possa pensare, la quale merita certamente una grande attenzione dal punto di vista medico.

Gli attacchi di panico sono degli episodi particolarmente evidenti i quali possono manifestarsi in modo più o meno frequente, ed in cui la persona interessata versa momentaneamente in uno stato di agitazione estremo, accompagnato da sensazioni fisiche inequivocabili quali accelerazione del battito cardiaco, sudorazione, senso di vertigine e di nausea, sensazione di perdere il controllo del proprio fisico.

Senza dubbio gli attacchi di panico sono un qualcosa che può avere le cause più disparate, ad ogni modo è sicuramente molto importante riuscire ad individuare per gli attacchi di panico i sintomi più tipici.

Sebbene, come detto, gli attacchi di panico si manifestino in modo piuttosto improvviso, spesso del tutto inaspettato per le persone che si trovano in compagnia del soggetto che ne è interessato, tendono ad avere dei sintomi piuttosto chiari, che possono essere letti come un campanello d’allarme che indica, appunto, che la temuta crisi sta per arrivare.

Attacchi di panico sintomi

Se si parla di attacchi di panico e sintomi relativi bisogna fare anzitutto riferimento al battito cardiaco: poco prima che la crisi si manifesti, infatti, il numero delle pulsazioni al minuto aumenta in modo evidente e alquanto innaturale, non essendo correlato né a fattori fisici, tantomeno a delle reali preoccupazioni in grado di causare una simile ansia.

Nei minuti che precedono l’attacco di panico la persona tende ad agitarsi oltremodo, e inizia ad avere dei pensieri fortemente negativi: l’ansia inizia a divenire elevatissima, anche nel caso in cui, è bene sottolinearlo, non vi sia alcuna ragione per versare in uno stato di simile preoccupazione, e non sono affatto rari dei movimenti compulsivi, ripetitivi, strettamente legati alla condizione che la persona sta vivendo.

Possono allo stesso modo verificarsi dei dolori cervicali, una sensazione di mobilità ridotta, oppure si può iniziare ad avvertire un senso di forte vertigine o di perdita di equilibrio.

Un attacco di panico, ammenoché non sia eccessivamente marcato, non è pericoloso dal punto di vista medico, e ha di norma una durata di pochi minuti; ciò non significa, ovviamente, che una persona interessata in modo ricorrente da questi disturbi possa permettersi di trascurare il problema.

Per risolvere il problema degli attacchi di panico è opportuno rivolgersi ad uno specialista: un medico generico, infatti, a seguito di un attacco di panico non riscontra alcuna anomalia clinica nel paziente, proprio perché le cause di tale problematica sono di natura psicologica e non prettamente fisica.

Riconoscere per l’attacco di panico i sintomi relativi può essere importante sia per la medesima persona che ne è interessata, affinché si prepari, suo malgrado, a ciò che le sta per accadere, sia per le persone che le sono abitualmente vicine, che si tratti di parenti, amici o colleghi.

Annunci