Che cos’è il disturbo di panico? Come può essere contrastato?

disturbo di panico

Il disturbo di panico è la condizione in cui versa la persona che è interessata in modo frequente da attacchi di panico, ovvero delle manifestazioni brevi ma molto fastidiose, non pericolose nell’immediato, ma tutt’altro che trascurabili.

L’attacco di panico è un frangente dalla ridotta durata temporale che si protrae solo per una manciata di minuti, il quale tuttavia arreca un senso di malessere davvero profondo.

La persona interessata da un attacco di panico, infatti, sente di perdere il controllo, versa in uno stato di ansia massimo, le sue palpitazioni aumentano, la sudorazione si fa copiosa, e si manifestano allo stesso tempo altri piccoli disturbi, come ad esempio sensazioni di nausea o di vertigine, disturbi cervicali, oppure si avverte un innaturale e sgradevole sapore metallico in bocca.

Si parla di disturbo di panico, dunque, laddove queste manifestazioni si verifichino con una certa frequenza, tanto da influire negativamente sulla qualità della vita della persona.

Le cause del disturbo di panico possono essere variegate, a cominciare da quelle legate ad aspetti puramente fisici: può accadere, infatti, che gli attacchi di panico siano spia di problemi di salute, allo stesso modo possono essere assolutamente legati al consumo di droghe, oppure al fatto di avere un qualsiasi tipo di dipendenza.

Anche per quanto riguarda le cause prettamente psichiche le possibili cause sono numerose: il disturbo di panico può manifestarsi nei soggetti che sono stati esposti ad uno stress particolarmente accentuato e prolungato, oppure nelle persone che sono psicologicamente esauste o depresse.

Allo stesso modo, inoltre, il disturbo di panico può essere la conseguenza di specifiche fobie, come possono essere ad esempio l’aerofobia o l’agorafobia.

Se una persona riconosce di essere interessata con regolarità da attacchi di panico, non deve esitare nel rivolgersi ad un professionista che possa suggerirle un percorso terapeutico ad hoc.

Il lavoro dello specialista, in questi casi, è concentrato inizialmente nell’individuazione delle cause della problematica, le quali nella grande maggioranza dei casi sono ignote anche allo stesso paziente.

Quando si ha una maggiore chiarezza circa l’origine di queste manifestazioni è possibile intraprendere una terapia: il disturbo di panico può essere risolto sia esclusivamente tramite un approccio cognitivo-comportamentale che con l’impiego di specifici farmaci, o anche, ovviamente, attraverso entrambe le soluzioni.

Le possibilità di successo contro questo disturbo sono elevate; è importante, tuttavia, che la persona non temporeggi oltremodo nell’affidarsi ad un professionista, e soprattutto che segua scrupolosamente le sue indicazioni e che ci metta la dovuta forza di volontà per annientare il disturbo.

Annunci